Uncategorized

CARBONCINO #2

Questo disegno è stato inizialmente concepito come un semplice esercizio, eseguito su carta Fabriano F2 (gli album che si usano a scuola per intenderci). Ho deciso di acquistare un set di carboncini, e cercando un pò su internet ho trovato questo fantastico set della DERWENT (marca inglese molto famosa).

IMG_0431

IMG_0432

IMG_0433

Il Set come potete vedere è pieno di roba, per me anche troppa!

IMG_0100 IMG_0103

I carboncini sono molto morbidi, e si sfumano bene, badate di fare attenzione se come me non fissate ogni strato con il fissativo o con la lacca!

Sono partito con il mio solito entusiasmo (sono retorico) per poi entusiasmarmi davvero sulle onde del panneggio!

IMG_0108

E poi arrivano, i maledetti capelli, non c’è cosa da disegnare che odio di più!

IMG_0119

Più non mi andava e più dovevo farlo, non potevo fermarmi, ero completamente preso e concentrato

IMG_0140 IMG_0155

e ce l’ho fatta dopo 2 mesi di estenuante lavoro, ho terminato quello che doveva essere solo un esercizio. Non avrei mai pensato di odiare così tanto un mio lavoro ma è così…

IMG_0157

IMG_0358

ed è per questo che ho deciso di regalarla a qualcuno che so l’apprezza più di quanto lo potrei fare io! 🙂

Grazie per avermi seguito!

vi posto sempre il link dell’associazione che frequento grazie alla quale ho riscoperto la mia passione

http://www.artemediterranea.org/

Standard
Drawing & Painting

CARBONCINO #1

Eccolo qui, il mio primo disegno a pastello di carboncino.

IMG_0060

Ero molto scettico quando la mia fantastica maestra mi voleva far usare questa tecnica (non mi sono mai piaciuti i pastelli di carboncino, sfumare con le mani ed imbrattarmi tutto, che orrore!), ma devo dire che è stato divertente sperimentare e apprendere questa nuova tecnica.

IMG_0058

Visto che la mia maestra voleva fare una prova (mi aveva preso alla sprovvista) avevamo a disposizione solo carta da fotocopia formato A3! La carta non era per nulla adatta ad assorbire i materiali che gli mettevo su, ed il risultato finale ne risente. Ma dopotutto per essere la prima esercitazione, sono contento di come sia venuta fuori! Grazie maestra per avermi fatto sperimentare e conoscere!

P.S. vi posto il link del meraviglioso posto dove vado a disegnare http://www.artemediterranea.org/

Standard

#LOGOSBrera1

Drawing & Painting, Uncategorized

#LOGOSBrera1

Immagine

CREATIVELAB#2

Spesso il riflesso è un genitore,
spesso è un’insegnamento,
spesso è cultura o tradizione;
lo si guarda per ciò che è,
mai per ciò che riflette…

Uncategorized, Writing

CREATIVELAB#2

Immagine

CREATIVELAB#1

spesso non c’è nulla di bello,
solo ciò che c’è tra le nostre mani…

Uncategorized, Writing

CREATIVELAB#1

Immagine
Uncategorized, Writing

TRA IL MARE E LA NEVE #1

Era lì sospeso su di una collina, era sospeso, ma camminava, si era accorto che l’erba era bagnata, come avesse appena piovuto.

Grazie ai suoi stivali gialli di plastica riusciva a camminare nel fango; non amava l’odore dell’erba, ma la accarezzava, era morbida, una sensazione di tranquillità lo avvolse,  continuò a passeggiare e notò che l’erba era precisa, come se qualcuno con un tagliaerba  l’avesse tagliata, solo dopo notò che i fiori al suo passaggio scomparivano, non capiva, voltatosi vide che dove aveva calpestato l’erba si era creata una strada di asfalto, era stupito e dispiaciuto,ma sorrideva; povera collina. Sentiva che la vita che abitava in quel luogo aveva paura di lui, ne era terrorizzata.

d’un tratto una voce, femminile familiare, quella di sua madre:”non devi dispiacerti, nè gioire, la vita che alberga in questo posto è la tua”, voltatosi la vide, ma della madre aveva solo la voce, era poco meno che un fascio di luce, stancante da osservare; avrebbe voluto chiamarla mamma o perlomeno sapere perchè la sua voce gli era così familiare, ma si vergognava e si lascio uscire un solo :”chi sei?”, anche se non aveva occhi lui sentiva il suo sguardo fino dentro alle midolla, aveva una tremenda sensazione di essere nudo, la luce non rispose e scrutandolo iniziò a volteggiare giù dalla collina; Lui non sapeva cosa ci fosse intorno, iniziò a seguirla, d’un tratto una spinta alle spalle lo fece rotolare giù per la discesa; non aveva fiato, si sentiva accartocciato, non si sentiva in sè.

La rotolata finì su di una brillante spiaggia, e mentre alzava lo sguardo si formo un’enorme vasca d’acqua senza confini, l’acqua era azzurra , l’acqua era mare, di lei nessuna traccia.

Iniziò a sentirsi arrabbiato, era sceso dalla collina per lei, ora avrebbe dovuto risalirla, si sentiva uno stupido.

Mentre malediceva quella luce che lo aveva portato nemmeno lui sapeva dove d’un tratto strillò:”Magari affoghi stupida luce! non hai pensato…” nemmeno riuscì a finire che fu abbaiato dal riflesso sull’acqua della creatura, era lì sospesa in mezzo all’acqua, era pervaso dalla sensazione che la creatura stesse piangendo, come se gli stesse per succedere qualcosa; iniziò ad avvicinarsi, ma appena lui tocco l’acqua con i piedi la creatura cadde nell’acqua, non ne usciva, l’acqua iniziò a bollire, l’acqua era diventata talmente bollente che si dovette allontanare per non rimanerne ustionato.

La creatura di luce non emergeva lui era nel panico aveva un’irresistibile voglia di salvarla ma non ne aveva le forze, sapeva che la creatura stava affogando e pianse.

Improvvisamente avvertì un cambiamento di tempo, lui aveva ignorato l’esistenza di un tempo e di uno spazio e si sorprese, iniziò a diluviare l’acqua del mare smise di bollire, doveva cercarla vedere come stava si voltò e si accorse che se sul mare pioveva sulla collina nevicava; aveva pena per la creatura dispersa, non smetteva di piangere, era scioccato per ciò che era successo si guardava intorno intontito e chiamò:” Mamma!” “Mamma!” e d’improvviso una voce femminile rispose strillando, non quella di sua madre, la voce che gli rispose era ferma e aspra “Svegliati!”.

Aprì gli occhi e capì che la voce che strillava era quella di Francesca, la moglie di suo Fratello che era china su di lui con un’aria alla “mi-fai-pena-poverello” “era un incubo? ti ho sentito urlare e quando sono arrivata ho visto…” lui la interruppe non voleva sentirle dire che lo aveva visto piangere nel sonno, sentiva le guance bagnate:” Sto bene, era solo un incubo” rispose.

Standard